Blog / Guide

16 Gennaio 2017

Esistono controindicazioni per l'assunzione della propoli?

Propoli appena raccolta dall'apicoltore, ancora in forma grezza, a scaglie. Le controindicazioni della propoli sono rarissimi.
E' un prodotto naturale dai tanti benefici che presenta rarissime controindicazioni.
I pochi casi in cui è meglio evitare la sua assunzione sono, in realtà, collegati ad una ipersensibilità che alcuni soggetti predisposti possono avere. Si tratta, quindi, più che altro di allergie già conclamate a prodotti apiari o ad alcune piante.
 

I pochi casi in cui è meglio non prendere la propoli

  • Allergie già accertate a prodotti dell'alveare
  • Allergie a fattori inquinanti
    Alcune propoli non controllate possono contenere delle sostanze inquinanti che possono scatenare allergie. Le più comuni sono: pesticidi, antiparassitari, prodotti acaricidi, IPA (idrocarburi policiclici aromatici) o il cloramfenicolo, utilizzati dagli apicoltori extraeuropei per la difesa delle arnie. E' bene scegliere, quindi, una propoli biologica, di alta qualità e di origine italiana.
  • Allergie ad alcuni tipi di piante
    Se si è, ad esempio, allergici a pioppi, olmi, betulle o abeti, è possibile anche avere reazioni allergiche alla propoli, in quanto queste sono alcune delle piante dalle quali le api raccolgono le resine per la produzione della propoli;

Per sapere tutto sulla propoli...

Ricorda che la propoli è un prodotto naturale dai tantissimi benefici. E' uno degli antibiotici naturali più efficaci che la natura ci abbia regalato. Per maggiori informazioni, leggi la nostra guida alla propoli.
X
i
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Per maggiori informazioni o per disabilitare, in tutto o in parte, i cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione si accetta l'uso dei cookie.
ACCETTA